L'idea

L'idea

Da un’attenta analisi sulla variegata programmazione dell’intrattenimento culturale partenopeo, emerge che a Napoli non è mai stata realizzata una manifestazione ciclica e strutturata che punti alla valorizzazione e al “racconto” della collina di Pizzofalcone, comunemente chiamata Monte di Dio, zona ad alto tasso storico e artistico del quartiere San Ferdinando, situata fra il borgo di Santa Lucia, il Chiatamone e Chiaia. Fu qui, nell’VIII secolo a.C., che nacque Parthenope, primo insediamento urbano nel territorio tra l’isoletta di Megaride e la collina di Monte Echia, fondato da navigatori rodiesi e, dal 680 a.C., ampliato e abitato da coloni greci provenienti da Cuma.

Se è vero che le origini della città sono profondamente radicate in questa zona vulcanica e tufacea – scelta in epoca romana da Lucio Licinio Lucullo per costruire la sua villa dell’otium, e accolta nel ‘500 nelle mura della “città nuova” grazie al viceré illuminato Don Pedro de Toledo -, è altrettanto vero che l’area, nonostante un’estensione limitata, include uno scrigno formidabile – ai più semisconosciuto -, di siti archeologici, chiese, palazzi storici e luoghi di estremo interesse culturale e artistico.

“MONTEDIDIO RACCONTA” è una manifestazione culturale che prevede, nella sua prima edizione e in tutte quelle che verranno, quattro giorni d’incontri letterari, convegni, visite guidate, spettacoli teatrali, appuntamenti musicali e cinematografici, mostre e degustazioni con lo scopo primario di aprire lo scrigno di Pizzofalcone e farne conoscere così i tesori nascosti, le storie dimenticate e mai narrate, l’arte ritrovata, i personaggi di ieri e di oggi, il cuore autentico e antico, l’identità urbana e l’amore per il talento.

Ogni edizione della manifestazione avrà un tema portante, in linea con la storia della città e il richiamo all’attualità, che mirerà a legare gli eventi creando un percorso interdiscilplinare con lo scopo di armonizzare generi, luoghi, storie, suggestioni, passioni.

Puntando su un’originale e accurata scelta delle iniziative, che si terranno nei luoghi simbolici di Monte di Dio, la via intrapresa dagli ideatori e organizzatori del progetto è quella di lavorare a una nuova narrazione della città attraverso un racconto lontano dai clamori, esclusivo e indirizzato ai napoletani e soprattutto a un pubblico, italiano e straniero, che tende a vivere “culturalmente” la città che visita, come se entrasse nel “romanzo del luogo”, alla continua ricerca di itinerari alternativi a quelli ufficiali e fortemente attratto da appuntamenti che puntano alla rigenerazione del territorio.

il logo

il logo

Montedidio Racconta, eventi a pizzofalcone

Il logo creato per la manifestazione “MONTEDIDIO RACCONTA” è ispirato ai resti della villa romana di Lucio Licinio Lucullo, edificata nel I secolo a.C., rinvenuti sul Monte Echia. I resti consistono in una traccia di colonnato somigliante a una grande “M” che è divenuta la “M” di “MONTEDIDIO” con un essenziale e funzionale adattamento grafico.

Lucullo scelse Napoli per costruire la sua fortezza del “saper vivere” (non è un caso che il termine “luculliano” indichi un pranzo abbondante e raffinato) dove, dopo una vita di campagne militari in Oriente, si ritirò per godersi la vecchiaia dedicandosi alla letteratura, alla filosofia, all’arte e alle scienze in generale.

Stando ai pochi testi affidabili e alle scoperte archeologiche, la villa, tra le più affascinanti dell’antichità, ricca di giardini con piante orientali, laghetti, fontane, percorsi segreti e allevamenti di murene, aveva un’estensione immensa che andava dall’isolotto di Megaride fino al monte Echia sul lato sud e, sul lato sud-est, fino a piazza Municipio.

L'importanza del progetto

L'importanza del progetto

La collina di Pizzofalcone ha tutte le carte in regola per essere più competitiva nell’ambito dell’intrattenimento culturale e occupare un posto di rilievo nel circuito degli eventi nazionali e internazionali. Non c’è dubbio che la fiction Rai “I bastardi di Pizzofalcone”, tratta dai romanzi gialli di Maurizio De Giovanni, e il fermento cinematografico a Napoli degli ultimi anni (sempre più registi si stanno innamorando di Monte di Dio, scegliendo alcuni suoi luoghi e scorci per ambientare storie) abbiano contribuito a riaccendere i riflettori sulla zona e sul “nome” ma in un contesto “comunicativo” in cui però non è possibile andare in profondità per conoscere realmente quest’area della città ancora tutta da scoprire.

Nell’ottica di contribuire alla promozione del territorio, tema centrale nelle agende di istituzioni e urban manager (in vista anche della prossima apertura della nuova stazione della metropolitana Linea 6 a piazza Santa Maria degli Angeli e del recupero dell’area archeologica di Monte Echia), “MONTEDIDIO RACCONTA” è un progetto che pone le sue fondamenta proprio sul desiderio di “aprire” e narrare i luoghi innescando la presenza di occasioni culturali, vero elemento chiave alla base della costruzione di un’immagine di successo e, di conseguenza, di rilancio di un territorio così carico di storia e storie.La strategia adottata sarà quella di creare un programma di eventi coerente con l’identità di Pizzofalcone e della città di Napoli, capace di stimolare la curiosità della platea locale ma soprattutto di attirare l’interesse di chi viene da fuori, incrementando quel turismo culturale che in città esiste ma richiede di essere rafforzato con iniziative non improvvisate e studiate per riattivare la curiosità e ridare significato e valore ai luoghi.

Nei giorni in cui MONTEDIDIO “racconterà se stessa” saranno coinvolte le scuole – non solo del territorio, ma anche di altre città d’Italia con la formula lungimirante del “gemellaggio culturale” – attraverso 

l’organizzazione di visite ed escursioni, curate da una selezionata squadra di guide.
Appartenendo al mondo della comunicazione, gli ideatori e organizzatori del progetto cureranno con estrema attenzione la promozione e diffusione della manifestazione, potendo contare su canali mediatici di proprietà (un freepress, una web tv, un funzionale social network), sui media partner che entreranno nel progetto e su una rete di relazioni che nasce da un’esperienza ventennale nel settore del giornalismo e dell’informazione.

“MONTEDIDIO RACCONTA” ha come obiettivo finale quello di diventare un appuntamento fisso nel circuito degli eventi italiani.

Si punta, infatti, alla ciclicità della manifestazione per far sì che, in sinergia con le istituzioni e gli specialisti di marketing territoriale, il programma degli eventi possa essere anticipatamente proposto agli operatori turistici e agli esperti di settore per diffondere al meglio l’iniziativa e attrarre flussi di persone e risorse capaci di alimentare l’economia e lo sviluppo di questa parte di città.

Oltre alla “ciclicità” va rilevato che il progetto “MONTEDIDIO RACCONTA” mira con convinzione anche alla “quotidianità” attraverso la realizzazione di un portale culturale e turistico (un “infopoint online” su Pizzofalcone e dintorni), l’organizzazione d’incontri di avvicinamento alla manifestazione finale, il sostegno a iniziative di recupero ambientale e riqualificazione dell’area, e la creazione del premio MONTEDIDIO, in collaborazione con i partner che sosterranno il progetto, dove una giuria d’alto profilo – formata da personaggi noti del mondo dell’imprenditoria, del giornalismo, della cultura e dello spettacolo – premierà persone e personaggi che si sono distinti per opere e azioni meritevoli di essere conosciute e ricordate.

La collina di Pizzofalcone ha tutte le carte in regola per essere più competitiva nell’ambito dell’intrattenimento culturale e occupare un posto di rilievo nel circuito degli eventi nazionali e internazionali. Non c’è dubbio che la fiction Rai “I bastardi di Pizzofalcone”, tratta dai romanzi gialli di Maurizio De Giovanni, e il fermento cinematografico a Napoli degli ultimi anni (sempre più registi si stanno innamorando di Monte di Dio, scegliendo alcuni suoi luoghi e scorci per ambientare storie) abbiano contribuito a riaccendere i riflettori sulla zona e sul “nome” ma in un contesto “comunicativo” in cui però non è possibile andare in profondità per conoscere realmente quest’area della città ancora tutta da scoprire.

Nell’ottica di contribuire alla promozione del territorio, tema centrale nelle agende di istituzioni e urban manager (in vista anche della prossima apertura, fissata per il 2019, della nuova stazione della metropolitana Linea 6 a piazza Santa Maria degli Angeli), “MONTEDIDIO RACCONTA” è un progetto che pone le sue fondamenta proprio sul desiderio di “aprire” e narrare i luoghi innescando la presenza di occasioni culturali, vero elemento chiave alla base della costruzione di un’immagine di successo e, di conseguenza, di rigenerazione di un territorio. 

La strategia adottata sarà quella di creare un programma di eventi coerente con l’identità di Pizzofalcone e della città di Napoli, capace di stimolare la curiosità della platea locale ma soprattutto di attirare l’interesse di chi viene da fuori, incrementando quel turismo culturale che in città esiste ma richiede di essere rafforzato con iniziative non improvvisate e studiate per riattivare la curiosità e ridare significato e valore ai luoghi.

Montedidio racconta ha come obiettivo finale quello di diventare un appuntamento fisso nel circuito degli eventi italiani. Si punta, infatti, alla ciclicità della manifestazione per far sì che, in sinergia con le istituzioni e gli specialisti di marketing territoriale, il programma degli eventi possa essere anticipatamente proposto agli operatori turistici e agli esperti di settore per diffondere al meglio l’iniziativa e attrarre flussi di persone e risorse capaci di alimentare l’economia e lo sviluppo del territorio. Oltre alla “ciclicità” va rilevato che la manifestazione mira alla “quotidianità” attraverso la realizzazione di un portale culturale e turistico (un “infopoint online” su Pizzofalcone e dintorni), l’organizzazione d’incontri di avvicinamento all’evento finale, il sostegno a iniziative sociali, di recupero ambientale e riqualificazione dell’area, e la creazione del Premio Montedidio.